Home Page
Giovedý 17 Aprile 2014
ADV News 24h  XML  ADV News Alert
 

 Pertinenza -> fino a: da

  

Suggerimenti per la ricerca  

ADSL senza voce, Telecom batte cassa

[ 13-01-2006 ]
Agli operatori arriva la fattura che richiede il canone aggiuntivo per le linee ADSL senza fonia. Telecom ha considerato come un assenso il silenzio dell'AutoritÓ e ha mandato avanti la macchina. Pagheranno gli utenti

versione per la stampa
Fonte originale della notizia »
punto-informatico.it
Punto Informatico, giornale fondato da Andrea De Andreis, Ŕ il primo quotidiano italiano online che si occupa di Internet, informatica e comunicazione. Primo perchÚ ha iniziato le attivitÓ nel 1995 e primo perchÚ sulla rete quando Ŕ arrivato Punto Informatico non esistevano altri servizi informativi specializzati quotidiani. Oggi Ŕ primo, pi¨ semplicemente, perchÚ Ŕ il pi¨ seguito, da casa e dall'ufficio.

Prima di arrivare su Internet, Punto Informatico per vari mesi Ŕ stato distribuito nel circuito delle BBS. Dal 7 febbraio 1996, data ufficiale di "sbarco" su Web, Punto Informatico ha cercato di raccontare giorno per giorno l'evoluzione e il progresso tecnologico, in particolar modo quello relativo allo sviluppo della rete. Cosý facendo ha sviluppato una identitÓ e una personalitÓ che rimangono uniche nel panorama editoriale italiano.

La Redazione
Punto Informatico Ŕ testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma
al n. 51 del 7.2.1996 - De Andreis Editore S.r.l.

Direttore responsabile: Paolo De Andreis
Main board editoriale: Alessandro Del Rosso, Franco Lavarone, Lamberto Assenti, Luca Schiavoni
Collaborano: Alberigo Massucci, Alessandro Biancardi, Alessandro Longo, Dario Bonacina, Dario d'Elia, Giulio Fornasar, Tommaso Lombardi, Massimo Mantellini.
Vignette: Luca Schiavoni
fonte: punto-informatico.it

Il giornale vive del rapporto con la rete e con i suoi lettori. Oltre alle news quotidiane che raccolgono quanto di pi¨ interessante accade in Italia e all'estero nel mondo dell'Information and Communications Technology, Punto Informatico lavora infatti su una continua scansione delle attivitÓ sulla rete e degli eventi che la riguardano. Scansione spesso agevolata e suggerita proprio dai lettori.

Dalle richieste dei lettori Ŕ scaturita la Community di Punto Informatico, una serie di servizi del tutto gratuiti che vengono offerti agli utenti, servizi che consentono di accedere in modo personalizzato ai Forum delle notizie e a quelli tematici, di scambiare messaggi privati con gli altri lettori e molto altro ancora...

>> continua la lettura su: punto-informatico.it
?

Roma - Lo spettro del canone aggiuntivo sulle ADSL senza voce torna ad aggirarsi sulle teste di operatori e utenti. Telecom Italia ha messo in atto quanto minacciato nei mesi scorsi: al ritorno dalle vacanze natalizie, amministratori delegati e titolari di decine di provider hanno trovato sulla propria scrivania una nuova fattura. Si chiede loro di pagare Ç 10,73 al mese addizionali (Iva esclusa) per ogni linea Adsl attivata a utenti privati sprovvisti di linea voce. Per le linee attivate alle aziende, il canone richiesto da Telecom Ŕ pi¨ alto: 20,34 euro al mese.

Forum di Punto Informatico
Opinioni e commenti su questo articolo
Sono i prezzi che rispecchiano la nuova offerta all'ingrosso presentata da Telecom quest'estate ad hoc per le ADSL senza voce. Tra l'altro, volontÓ di Telecom Ŕ applicare questi canoni aggiuntivi non solo alle nuove ADSL senza voce ma anche a quelle giÓ attive. Il tutto Ŕ come una bomba che potrebbe scoppiare ai danni degli operatori ma anche delle tasche degli utenti. ╚ inevitabile che i canoni al pubblico risentiranno, almeno in parte, degli eventuali costi extra pagati dagli operatori.

La novitÓ investe a tappeto il settore. A Punto Informatico risulta che, a ricevere la fattura, siano stati pressochÚ tutti gli operatori che offrono ADSL senza voce, iscritti delle associazioni AIIP e Assoprovider. Sono stati lesti a fare causa comune: AIIP ha preparato una lettera che i singoli provider stanno girando in questi giorni a Telecom in risposta alla fattura. In sostanza, rifiutano di pagarla, dicendo che spetta ancora all'Agcom (AutoritÓ per le Garanzie nelle Comunicazioni) decidere sulla questione.

Diversa la tesi di Telecom, che si sente ora autorizzata ad applicare i termini dell'offerta all'ingrosso lanciata in estate. Si legge infatti nella lettera di Telecom: "Desideriamo informarvi che, in data 8 dicembre, non essendo pervenuta alcuna preclusione da parte dell'Agcom, si Ŕ consolidata l'offerta "ADSL solo dati" (ossia "senza voce", Ndr)... Pertanto, alla luce della fruizione di tale servizio da parte della Vostra societÓ, la societÓ scrivente (Telecom, Ndr.) ha provveduto a fatturare, con decorrenza 10 luglio 2005, i corrispettivi previsti nell'offerta sopra citata".

"Non essendo pervenuta alcuna preclusione" significa: poichÚ Agcom non si Ŕ opposta alla nostra offerta, ci sentiamo autorizzati ad applicarla. In effetti, secondo le attuali regole, Agcom ha la facoltÓ di bloccare entro 30 giorni un'offerta presentata da Telecom all'ingrosso. Il silenzio vale come un assenso. Il punto Ŕ che in questo caso Agcom non Ŕ stata in silenzio ma Ŕ scesa in campo, sebbene soltanto a settembre e quindi forse in ritardo rispetto ai tempi consentiti. L'Agcom ha infatti chiesto a Telecom di sospendere l'offerta all'ingrosso fino a nuovo ordine; la sta tuttora analizzando. Anche se Agcom sembra orientata ad accogliere almeno in parte la proposta di Telecom, non ha ancora dato il sý definitivo.

"╚ quanto abbiamo scritto nella lettera che i nostri associati stanno indirizzando a Telecom e, per conoscenza, ad Agcom in risposta della fattura" - spiega a Punto Informatico Stefano Quintarelli, presidente di AIIP. Si legge infatti, nella lettera: "Ci risulta che l'AutoritÓ per le Garanzie nelle Comunicazioni, quanto meno al 12 settembre, non solo non vi aveva ancora autorizzato le condizioni economiche da Voi unilateralmente pretese per il servizio wholesale (all'ingrosso, Ndr.) di linee ADSL senza voce a decorrere dal 10 luglio 2005, ma vi aveva espressamente invitato a non applicarle. NÚ ci risulta, peraltro, che la medesima AutoritÓ abbia revocato tale diffida od altrimenti autorizzato l'applicazione delle condizioni economiche pretese da Telecom Italia per l'offerta in oggetto".

La lettera si chiude con toni da guerra fredda: "Vi invitiamo a non minacciare, nÚ altrimenti anche solo ipotizzare, di porre in atto misure coercitive (distacco di servizi o altro) tese ad assicurare il pagamento degli importi cosý fatturati, evidenziandovi sin d'ora che ogni eventuale vostra azione in tal senso ci vedrÓ costretti ad azionare le nostre tutele in ogni sede civile o di altra natura".

La questione, come Ŕ ovvio, non finisce qui. ╚ probabile che la palla passi all'Agcom, che la prossima settimana dovrebbe finalizzare il provvedimento dove, tra le altre cose, viene affrontato il problema delle ADSL senza voce.

I punti da chiarire sono spinosi: anche ammesso che a Telecom sia dovuto un canone addizionale per le ADSL senza voce, Ŕ giusto rendere la regola retroattiva? A riguardo, Agcom, come dice un portavoce a Punto Informatico, sembra intenzionata a farla valere solo per le nuove ADSL, ma la situazione non Ŕ ancora definita.

Altro grattacapo: che succede se l'utente dell'ADSL di un provider decide di abbandonare la linea voce Telecom? Da dicembre, in questo caso Telecom trasforma quell'ADSL in senza-voce (prima la disattivava in automatico), cui si applicano le relative condizioni economiche. VorrÓ quindi cominciare a chiedere al provider il canone addizionale per quell'ADSL. Paradosso: il provider si troverebbe, dall'oggi al domani, a pagare di pi¨ per una linea, a causa della scelta dell'utente di abbandonare Telecom. Senza che il provider possa nÚ prevederlo nÚ controllarlo.

NÚ l'ISP pu˛ ritoccare il canone dell'utente per rifarsi dell'extra dovuto a Telecom: violerebbe il contratto giÓ firmato tra le parti. C'Ŕ una soluzione possibile: applicare, nei nuovi contratti, una nota che avvisi l'utente: se lasci Telecom, il tuo contratto viene aumentato di un quid. Ma per i contratti giÓ firmati il problema resta. Agli operatori non resterÓ che incrociare le dita e sperare che i propri utenti non si stufino di Telecom? Ironia della sorte, forse toccherÓ loro fare il tifo per le sorti del rivale che, in un modo o nell'altro, sembra intenzionato a rifarsi della perdita del cliente e del canone riscosso per la linea voce.

Un bel pasticcio; ma giÓ dalla prossima settimana potrebbero arrivare, dall'Agcom, novitÓ a chiarire il dilemma.

>> fonte originale: punto-informatico.it
un articolo di Alessandro Longo distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.0 e riproducibile a patto di citare la fonte e di ridistribuire il lavoro prodotto con la medesima licenza.

Elenco completo delle Fonti monitorate: ADV Magazine, Advert Planet, AgoraVox, AlimentaPress, Altrenotizie, AmiciAmici Magazine, Anti Digital Divide, Anti-Phishing Italia, Bologna 2000, Comunicati Stampa, ComunitÓzione, Consulente Legale Informatico, CriticaMente, Draft, EBETE in Fiore, e-financePress, FAO Sala Stampa, Garante della Privacy, I Fatti, Interactive Adv Bureau, Key4biz, La Grande Agenzia, Lavoce.info, MG News, MTN Blog, Mauro Lupi's Blog, Mediazone, MetaNews, Minimarketing.it, Modena 2000, MondoBlog.it, Morse.it, Mymarketing.it, Negativo!, NewsSms, Ninja Marketing, PC Facile, PIVARI.COM, Reggio 2000, Rovigo blog, Sassuolo 2000, Sicurezza in Rete, Storage-backup.com, StudioCelentano.it, Telospiego.it, The Intruder News, TiempoLibre, Unimagazine.it, ValleOlona.com, Webisland.net, Wireless-Italia

Copyright © 2004 - 2014 AMNetware s.n.c. - tutti i diritti riservati.
Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 245 del 21 Luglio 2009 presso il Tribunale di Roma, Publigiovane Editore
Copyright Policy | Privacy Policy | Condizioni di utilizzo

Network: PR & Marketing Network
Partners: alverde.net, aspcode.it, comunitazione.it, ehiweb.it, pivari.com, studiocelentano.it

Un ringraziamento a businessportal24