Home Page
Venerdì 18 Aprile 2014
ADV News 24h  XML  ADV News Alert
 

 Pertinenza -> fino a: da

  

Suggerimenti per la ricerca  

Accordo ADD - ANPCI - WISP

[ 07-02-2006 ]
Una convenzione firmata da Associazione Anti Digital Divide, Associazione Nazionale Piccoli Comuni Italiani e WISP lancia l’iniziativa Include per portare la banda larga nei comuni non raggiunti dal servizio. Si partirà proprio da Diano d'Alba, dove il progetto vedrà la luce nelle prossime settimane

versione per la stampa
Fonte originale della notizia »
antidigitaldivide.org
Anti Digital Divide si propone come punto di incontro per tutti quelli che abitano e lavorano in zone non coperte dalla banda larga e per quelli che trovano che le tariffe richieste dai provider sono disproporzionate rispetto agli altri paesi europei e alla qualità (sic) dei servizi offerti.

La connessione a banda larga non è un lusso ma un diritto e una necessità per i privati e per le aziende. Non è possibile essere competitivi quando si devono pagare bollette salatissime per connessioni lentissime. Quello che da noi costa 30 euro al mese in altri paesi ne costa 10. Per la mancata copertura, la connessione satellitare è un palliativo costosissimo e non risolutivo.

Oggi in Italia 10 milioni di persone non hanno accesso alla banda larga.
Dove l'accesso esiste, l'abbonato paga 3 volte di più rispetto agli abitanti della maggior parte degli stati europei.

Le specifiche finalità dell'associazione di volontariato "Anti Digital Divide" sono:

  • La riduzione del Digital Divide esistente tra le varie aree italiane, e tra l’Italia e l’Europa, attraverso azioni volte ad ottenere una migliore copertura territoriale della banda larga, tariffe e servizi in linea con gli standard europei, programmi di formazione destinati agli “emarginati” informatici;
  • La fornitura di servizi di assistenza e supporto agli associati nei contenziosi con i fornitori di servizi informatici e di telefonia, fissa e mobile;
  • Tutte quelle azioni, compatibili con lo Statuto, aventi come scopo la diffusione di servizi informatici e telematici portatori di un reale valore aggiunto per gli utenti.

    L'organizzazione di volontariato "Anti Digital Divide" opera sull’intero territorio nazionale italiano.

    Essa intende operare anche in ambito europeo ed eventualmente mondiale, relazionandosi con pari associazioni di utenti dei servizi IT e TLC, operatori di servizi e istituzioni.

    Per maggiori informazioni: Anti Ditial Divide: chi siamo
  • .

    Diano d'Alba(CN) - Nel contesto dell'aula consigliare del Comune di Diano d'Alba una firma ha accomunato gli intenti del sindaco Claudio Cardinale, l'Associazione Anti Digital Divide ed Alessandro Pianta del gruppo Wave Tech in rappresentanza simbolica del mondo dei piccoli provider. L’obiettivo è chiaro: rompere gli schemi del digital divide e portare i benefici della banda larga alla cittadinanza esclusa dalle pianificazioni Telecom Italia.
    La presentazione del progetto, che prenderà il nome di "Include", è lasciata al Presidente dell’Associazione Anti Digital Divide Maurizio Gotta il quale, dopo aver illustrato le cifre relative al divario digitale che attanaglia l'Italia (un utente su tre è escluso dai benefici offerti dalla banda larga), ha spiegato gli intenti propositivi della sua associazione: costituire la piattaforma d’incontro tra istituzioni, utenza ed imprese per andare ad intervenire in quelle località dove le attuali figure del mercato non hanno intenzione di investire. Con Include la banda sarà prelevata dalle dorsali esistenti e distribuita tramite antenne wifi configurando così una nuova possibilità per le istituzioni locali che hanno intenzione di intervenire direttamente a risoluzione del problema.

    L'ADD ha posto la propria firma ad una convenzione di intervento con il presidente dell'ANPCI (Associazione Nazionale Piccoli Comuni Italiani) Franca Biglio facendo del progetto Include una nuova facoltà a disposizione dei sindaci affiliati: l'80% dei comuni del cuneese è un piccolo comune e la quasi totalità di essi è discriminata dall'accesso alla banda larga, ma con le antenne in progetto il broadband potrà raggiungere tutti i comuni in difficoltà potendo così garantire una nuova importantissima risorsa per zone a grave rischio di depauperamento economico nonché socio/culturale. Franca Biglio ha sottolineato l'importanza della banda larga per i propri associati ed ha sposato con soddisfazione il progetto nascente: la convenzione offre massima libertà di scelta ed una valida alternativa tecnologica ai comuni, aprendo così nuovi spiragli nella diffusione "dal basso" della connettività.

    Hanno portato il proprio contributo al dibattito anche i consiglieri regionali di Forza Italia e Margherita Alberto Cirio e Mariano Rabino i quali, con una estemporanea comunanza di intenti, hanno ribadito l’importanza di un intervento istituzionale nel contesto ma hanno altresì delegato alle figure private il compito di realizzare le istanze di intervento. Da più parti la figura politica è stata stigmatizzata con una richiesta a gran voce di interventi pratici senza ulteriore perdita di tempo perché le comunità locali già stanno quotidianamente pagando un prezzo eccessivo per i ritardi dovuti alle politiche di investimento dell'incumbent italiano della telefonia.

    Il progetto Include troverà la propria prima applicazione presso il comune di Diano ma non ha uno stampo prettamente localistico: l'Associazione Anti Digital Divide raccoglie le proteste degli utenti digital divisi di tutta Italia, ed è in tutta Italia che l'associazione vuol portare il proprio intervento. I provider locali potranno dunque accettare le condizioni dettate da Include e portare le proprie strutture sul territorio, una interconnessione di reti renderà Include un network unico e l’utenza potrà così trovare finalmente una risposta alla propria domanda.

    Il cantiere è aperto. L'ANPCI ha offerto la propria disponibilità, i provider hanno acconsentito ad un tavolo d'incontro per un concordato preventivo, le istituzioni regionali hanno promesso cospicui investimenti ed hanno offerto il proprio placet all'iniziativa. Tutti i comuni interessati possono ora rivolgersi all'ADD per eventuali informazioni facendo in modo che la propria cittadinanza abbia la possibilità di accedere a tutti quei servizi che, partendo dall’e-learning fino al VoIP, passando per telelavoro ed e-banking, sono già accessibili dall' "Italia di serie A" rappresentata dalle zone già raggiunte dalle dorsali di rete esistenti sul territorio.

    >> fonte originale: antidigitaldivide.org
    un articolo distribuito con licenza Creative Commons Attributione - Non commerciale - Non opere derivate e riproducibile solo integralmente.

    Elenco completo delle Fonti monitorate: ADV Magazine, Advert Planet, AgoraVox, AlimentaPress, Altrenotizie, AmiciAmici Magazine, Anti Digital Divide, Anti-Phishing Italia, Bologna 2000, Comunicati Stampa, Comunitàzione, Consulente Legale Informatico, CriticaMente, Draft, EBETE in Fiore, e-financePress, FAO Sala Stampa, Garante della Privacy, I Fatti, Interactive Adv Bureau, Key4biz, La Grande Agenzia, Lavoce.info, MG News, MTN Blog, Mauro Lupi's Blog, Mediazone, MetaNews, Minimarketing.it, Modena 2000, MondoBlog.it, Morse.it, Mymarketing.it, Negativo!, NewsSms, Ninja Marketing, PC Facile, PIVARI.COM, Reggio 2000, Rovigo blog, Sassuolo 2000, Sicurezza in Rete, Storage-backup.com, StudioCelentano.it, Telospiego.it, The Intruder News, TiempoLibre, Unimagazine.it, ValleOlona.com, Webisland.net, Wireless-Italia

    Copyright © 2004 - 2014 AMNetware s.n.c. - tutti i diritti riservati.
    Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 245 del 21 Luglio 2009 presso il Tribunale di Roma, Publigiovane Editore
    Copyright Policy | Privacy Policy | Condizioni di utilizzo

    Network: PR & Marketing Network
    Partners: alverde.net, aspcode.it, comunitazione.it, ehiweb.it, pivari.com, studiocelentano.it

    Un ringraziamento a businessportal24