ADV MagazineComunicati stampa: Comunicatori e Aziende si incontrano
Pagina stampata da ADV Magazine: l'articolo è stato pubblicato alle ore 10:45 del 24/02/2006
procedi con la stampa dell'articolo
Il compito di un professionista della comunicazione è quello di comunicare un'informazione x (generica o tecnica) al grande pubblico in modo corretto ed efficace. La veicolazione delle informazioni può avvenire sia in modo diretto che tramite Terze parti. Non esiste un modo univoco di muovere informazioni in rete, come non è possibile inquadrare un comunicatore entro confini di categoria pre-definiti.

Fabrizio Pivari, ideatore del progetto CS - Comunicati-Stampa.com - affronta a seguire temi quali "Blog", "comunicazione aziendale", "comunicatori", utilizzando come base esperenziale il progetto CS. Tutto inizia da questa domanda:

Un piccolo gioco per conoscere meglio l’ideale di "Comunicatore" secondo Fabrizio Pivari.
"blog", "blogosfera", "aziende", "VoIP", quali sono le associazioni naturali sottese a queste parole?

Fabrizio Pivari - Comunicati Stampa, Comunicatori e Aziende:

Blog è web 2.0. Ha segnato il passaggio dalla fruizione alla costruzione generalizzata. Con il blog finalmente internet non si usa ma si fa!
Portato nella realtà aziendale permette, almeno per alcune aree, di trasformare la segretaria nel webmaster. Spero che questo porti ad avere siti aziendali non più ammuffiti e di 5 pagine smilze ma sempre più pieni di contenuti attraverso comunicati stampa, news, partnership, interviste, ...
In quest’ottica non ha senso parlare di blogsfera ma di nuova internet costruita con blog o cms più evoluti.

Una parentesi, una provocazione: da piccoli abbiamo trascorso ore davanti alla televisione, possibile che i nostri figli trascorrano ore in internet a leggere?

Le aziende, che siano S.p.A. o PMI generiche, hanno bisogno di una presenza on-line dinamica costruita sugli strumenti ICT per una buona comunicazione b2b.

CS è un progetto collettivo che coinvolge Grandi Aziende e PMI. La free-strategy con cui CS si è proposto alle Aziende – una novità che ha scosso alcune importanti Realtà del Settore – non può essere definita come la sola causa del successo riscontrato ad oggi: ha contribuito a far emergere le potenzialità della comunicazione on-line trasmettendone i "valori" ad Aziende abituate all'assunto "più investo, più ho ritorno".

CS come altri progetti similiari, ha cambiato alcuni scenari comunicativi che molti professionisti della comunicazione davano per scontati. Se volessimo inquadrare i punti di forza di un progetto di comunicazione collettiva come CS, ecco quali elementi emergerebbero:
  • La scelta di uno strumento semplice (Blogger) utilizzato da milioni di persone al mondo. Nonostante questa semplicità che permette di non spiegare una nuova piattaforma il 40% delle persone che richiedono un utenza non riesce a registrarsi.

  • L'innovazione e la curiosità: di blog tutti ne parlano ma nessuno a livello aziendale li usa. Vi è sicuramente la curiosità nell'utilizzarlo per scopi aziendali.

  • La continua promozione: quotidianamente viene proposto a aziende ed agenzie.

  • I siti partner: i siti più grossi ricevono tonnellate di email con comunicati stampa ma in CS li trovano già pubblicati direttamente dalle aziende ed agenzie. E’ semplice per i siti partner riportarli con un copia ed incolla o utilizzando i feed.

  • Google News e i motori di ricerca: CS è indicizzato da Google News Italia e questo garantisce ad ogni comunicato introdotto una buona visibilità. Inoltre essendo Blogger di Google ogni comunicato stampa introdotto (post) sembra fatto apposta per essere ben evidenziato soprattutto in Google ma anche negli altri motori di ricerca, inclusi quei motori specifici per blog come Technorati, senza essere un SEO.

L'e-book manifesto di CS riporta: "I telegiornali sono sequenze di scoop, i giornali della sera sono solo titoli e quelli da metrò poco di più. I media bramano scoop, servizi esclusivi, articoli che attirino l'attenzione e sono disposti, a volte, anche a pubblicare articoli veritieri e/o parziali (solo gli aspetti significativi di un evento)..." – e ancora – "...In internet, c'è molto spazio per la pubblicazione di scoop e news aziendali che, dai media tradizionali, vengono spesso relegate in secondo piano...".

Ora, essendo CS un progetto che permette ad un’azienda di diventare "Comunicatore di se stessa", la naturale conseguenza potrebbe essere l'affermazione: "i comunicati stampa veicolati da piattaforme come CS sono un esempio di articoli creati per attirare l'attenzione con contenuti veritieri e/o parziali". CS è a disposizione di qualsiasi azienda che pensi di essere in grado di comunicare autonomamente ma anche alle agenzie. E' un importante spazio dove potersi mettere in luce, ma vista la mole di comunicati stampa quotidianamente introdotti (più di venti) solo i migliori verranno notati e veicolati da siti partner.

Il periodo "In internet, c'è molto spazio per la pubblicazione di scoop e news aziendali che, dai media tradizionali, vengono spesso relegate in secondo piano" potrebbe far sorgere una domanda spontanea: "Dando spazio a Realtà di secondo/terzo piano a livello nazionale, non si abbassa la qualità dei contenuti editoriali, sia a livello comunicativo (assenza di un vero Ufficio Stampa) e sia a livello d’iniziative/auto-promo veicolate?".

Non penso che questo possa succedere nel medio lungo periodo.
Vista la mole dei comunicati stampa introdotti solo i migliori avranno serie possibilità di emergere e solo introducendone a scadenze fissi si può avere una garanzia di risultato.
Ne consegue che anche un’azienda piccola avrà benefici costanti solo se crederà nelle potenzialità del comunicato stampa e di CS per veicolarlo, se ne produrrà uno alla settimana o al mese, se li costruirà con contenuti validi e in modo che piaccia ai siti partner e ai motori di ricerca.

L'uso dei Blog da parte dei Comunicatori ed in particolare l’utilizzo del Blog nel progetto CS è la dimostrazione che un Blog è uno strumento flessibile che non può essere circoscritto all’interno di confini predefiniti. E' uno strumento "espandibile" che "corre" assieme alle innovazioni ICT come ad esempio la pubblicità audio e quella video.

Copyright © 2014 ADV Magazine
un articolo di Fabrizio Pivari - introduzione di Alessandro Mirri - pubblicato secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5